• IT

LUD’O LOUNGE

Patricia Urquiola

2020

Innovativa nelle linee e geniale dal punto di vista costruttivo, la soffice poltrona Lud’o Lounge di Patricia Urquiola è un oggetto di design che si veste e riveste, permettendo di dare spazio, nelle nostre vite, alla dimensione più ludica del nostro spirito. Il cambio d’abito diventa, in questa poltrona, il concetto fondante: con un semplice gesto, e leggerezza d’animo, è infatti possibile sfilare interamente l’imbottitura che riveste la scocca e sostituirla con una differente.

Diverse suggestioni cromatiche, diverse personalità: la Lud’o Lounge è una poltrona relax giocosa, il cui aspetto può cambiare a seconda delle stagioni o dell’ambiente in cui viene accolta. Quello delle poltrone Lud’o Lounge è un invito a scivolare nel relax con lo stesso agio con cui si indossa il proprio capospalla preferito, sia esso un piumino ispirato alla street culture o un cappotto sartoriale.

Perfetta negli ambienti domestici per il comfort che sa offrire, e scenografica nei contesti Contract che va a caratterizzare, la poltrona Lud’o Lounge rappresenta un omaggio a Vico Magistretti, mentore della celebre designer. Dotata di una scocca in plastica riciclata realizzata con stampa rotazionale, la Lud’o Lounge si eleva su diverse proposte di base: conica e girevole, in lamiera di metallo verniciato nero opaco; a 4 gambe in massello di frassino (tinto rovere, tinto wengé o tinto nero); a 4 razze in massello di frassino (tinto rovere, tinto wengé o tinto nero). Il piumino di rivestimento è proposto in una selezione di tessuti e pelli di collezione.

Morbidissima, eloquente e poliedrica, la Lud’o Lounge è completamente riciclata e riciclabile: in questa poltrona di design ogni elemento – dal basamento all’imbottitura – racconta di un nuovo modo di dare valore ai materiali.

Innovativa nelle linee e geniale dal punto di vista costruttivo, la soffice poltrona Lud’o Lounge di Patricia Urquiola è un oggetto di design che si veste e riveste, permettendo di dare spazio, nelle nostre vite, alla dimensione più ludica del nostro spirito. Il cambio d’abito diventa, in questa poltrona, il concetto fondante: con un semplice gesto, e leggerezza d’animo, è infatti possibile sfilare interamente l’imbottitura che riveste la scocca e sostituirla con una differente.

Diverse suggestioni cromatiche, diverse personalità: la Lud’o Lounge è una poltrona relax giocosa, il cui aspetto può cambiare a seconda delle stagioni o dell’ambiente in cui viene accolta. Quello delle poltrone Lud’o Lounge è un invito a scivolare nel relax con lo stesso agio con cui si indossa il proprio capospalla preferito, sia esso un piumino ispirato alla street culture o un cappotto sartoriale.

Perfetta negli ambienti domestici per il comfort che sa offrire, e scenografica nei contesti Contract che va a caratterizzare, la poltrona Lud’o Lounge rappresenta un omaggio a Vico Magistretti, mentore della celebre designer. Dotata di una scocca in plastica riciclata realizzata con stampa rotazionale, la Lud’o Lounge si eleva su diverse proposte di base: conica e girevole, in lamiera di metallo verniciato nero opaco; a 4 gambe in massello di frassino (tinto rovere, tinto wengé o tinto nero); a 4 razze in massello di frassino (tinto rovere, tinto wengé o tinto nero). Il piumino di rivestimento è proposto in una selezione di tessuti e pelli di collezione.

Morbidissima, eloquente e poliedrica, la Lud’o Lounge è completamente riciclata e riciclabile: in questa poltrona di design ogni elemento – dal basamento all’imbottitura – racconta di un nuovo modo di dare valore ai materiali.

TUTTE LE DIMENSIONI

  • LU_1
  • LU_2
  • LU_3
  • LU_4

MODELLI 2D/3D

  • DWG_2D
  • 3DS

DOWNLOAD

  • Galleria
  • LUD'O LOUNGE
  • DWG_2D
  • 3DS

DOWNLOAD

  • Galleria
  • LUD'O LOUNGE
loading
Error finishing
wrong turn!

Unfortunately something went wrong.
Please, try again later.

Patricia Urquiola
Patricia Urquiola

Spagnola di origine, Patricia Urquiola vive e lavora a Milano. Ha studiato Architettura al Politecnico di Madrid e al Politecnico di Milano, dove si è laureata nel 1989 con Achille Castiglioni, lavorando poi con altre due icone del design italiano, Vico Magistretti e Piero Lissoni. Nel 2001 apre il proprio studio lavorando nei settori del product design,...