Miya

Elena Salmistraro

Miya è un nome tipico del Giappone di un famoso samurai. Un nome scelto spinti dal desiderio di disegnare una collezione di tavolini che prendesse spunto e che raccontasse l’armatura indossata dagli antichi samurai. Ma il design in fondo è figlio di segni che si traducono e si producono in sorpresa ed incanto, un’intuizione che lo sviluppo e la crescita trasformano in qualcosa di unico e sublime.

 

L’idea iniziale infatti, si è confrontata con i materiali, con le semplificazioni ed i bilanciamenti, mutando in qualcosa di completamente diverso, probabilmente più simile ad un fiore che alla corazza di un guerriero. Nasce così Miya uno scultoreo tavolino da salotto da comporre in un magico gioco di sovrapposizioni.

 

Una grande botte in vetro trasparente accoglie una struttura in vetro soffiato colorata ed un piano ad incastro in lastra di cristallo extralight accoppiato con una pellicola al centro. Varie sono le combinazioni che conferiscono all’oggetto immagini differenti, dal blu cobalto al verde smeraldo, in un gioco di complete trasparenze e forti riflessi di colore.

 

Disponibile in due dimensioni ed altezze, Miya esprime tutta la carica creativa di Elena Salmistraro nel rispetto dell’uso dei materiali unito ad una sapiente perizia costruttiva. Un tavolino di servizio ma soprattutto un protagonista dell’ambiente living adatto ai più diversi contesti architettonici.
Finiture

Dimensioni
Scarica
I materiali a disposizione dei professionisti del settore.

2d dwg / 3D dwg
3ds
professionals miya 3dm

2d dwg / 3D dwg
Progettato da
Elena Salmistraro
Designer e artista, Elena Salmistraro vive e lavora a Milano.


Si laurea al Politecnico di Milano e nel 2009 fonda il proprio studio, collaborando come designer e illustratrice con molte aziende dell’industria creativa.


L’attenzione al dettaglio...